Melitea: una storia tutta italiana per liberare la parola

Melitea, la mascherina pensata per i non udenti, per l’uso in ambiente medico, scolastico e pubblico

Ideata e costruita interamente in Italia, Melitea è nata una mascherina per restituire la libertà di comunicazione a tutti coloro che non possono fare a meno della lettura labiale per necessità o per professione.

Il nome Melitea deriva da una bella farfalla di colore arancione brillante della famiglia delle Nimphalidae particolarmente diffusa in Sicilia.

La mascherina amica dell’ambiente

#Melitea non è una comune mascherina usa e getta, è riutilizzabile centinaia di volte, per l’impiego quotidiano è sufficiente un semplice risciacquo con acqua calda e sostituire il filtro che, venti volte più piccolo di una mascherina FFP2. E’ amica dell’ambiente perché riducendo al minimo la componente monouso contiene l’energia necessaria alla produzione, le emissioni e la quantità di rifiuti da smaltire.

Melitea è classificata con certificazione europea come dispositivo medico tipo IIR (livello di protezione richiesto nelle sale operatorie secondo normativa UNI EN 14683:2019) e quindi utilizzabile in ambito ospedaliero con disinfezione in autoclave. Melitea, grazie alla sua forma, aderendo perfettamente al viso minimizza gli spazi tra pelle e mascherina dove potrebbe passare aria non filtrata, mantiene la propria funzionalità protettiva anche se indossata da chi ha la barba folta e, per la felicità di molti, gli occhiali non si appannano. Va sottolineato che mentre le mascherine FFP2 filtrano il 94% di particelle di 6 micron i filtri speciali di cui è dotata Melitea bloccano il 98% di particelle e batteri fino a 3 micron.

Alta tecnologia

Melitea nasce da C.E.L. S.p.A, azienda del Veronese che segue progetti ad alta criticità tecnologica per marchi automobilistici che hanno reso famosa l’Italia nel mondo ma anche per l’arredamento d’interni, idraulica e elettronica di consumo. Un’eccellenza italiana che da oltre quarant’anni opera nel settore della progettazione e produzione di componenti in materiali termoplastici e che può vantare le certificazioni ISO 9001 e ISO 14001, quest’ultima in riferimento all’accurata gestione delle proprie responsabilità ambientali. C.E.L. collabora inoltre con realtà sociali del territorio come le ASL e la Fondazione Dopo di noi – LaCasaVolante, associazione di genitori che organizza progetti di vita autonoma per giovani adulti con disabilità.

La nascita di Melitea, un circolo virtuoso unisce Nord e Sud

A fine marzo 2020, in pieno lockdown, – racconta la dr.ssa Simonetta Soave, Presidente di C.E.L. S.p.A.ho visto su Facebook un appello dell’associazione siracusana Sicilia Turismo per Tutti che richiamava l’attenzione sulla necessità di un nuovo tipo di mascherina che permettesse la lettura labiale, per le persone non udenti metodo fondamentale per restare in contatto col mondo. Mi è sembrata una richiesta importante dal punto di vista etico e sociale e così, dopo essermi confrontata con la presidente dell’associazione Bernadette Lo Bianco e con Antonella Dimoli, interprete della lingua dei segni e assistente alla comunicazione, in aprile abbiamo deciso di dare il via al progetto di una mascherina con specifiche tecniche che consentissero la lettura labiale, dotata di filtri ridotti al minimo, riutilizzabile e rispettosa verso l’ambiente. Il nostro obiettivo era creare un nuovo concetto di mascherina che potesse alleviare il disagio dei non udenti e degli operatori sanitari, pertanto i nostri sforzi si sono concentrati sul massimo della funzionalità e non solo su un design accattivante.”

All’alta criticità tecnologica del progetto, per noi completamente nuovo, si sono aggiunti non pochi ostacoli: la situazione di emergenza ha reso molto laborioso il reperimento dei materiali adatti e le continue modifiche alle specifiche necessarie per un prodotto conforme alle direttive hanno richiesto la certificazione dei prototipi per ben tre volte allungando non poco i tempi. I nostri sforzi infine sono stati premiati e a fine dicembre 2021 Melitea era finalmente allineata alle rigorose normative europee.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: